Ci sono porcate che bisogna conoscere.

Quando ero alla scuola elementare i miei amici giocavano ripetendo le scene dei cartoni animati, all’epoca Goldrake o Jeeg Robot, io non partecipavo perché non guardavo la televisione e non sapevo di che stessero parlando. I miei amici sono diventati adulti, nessuno di loro si è buttato dal balcone aspettando che qualcuno gli lanciasse i componenti.
Oggi un video di alcuni ragazzini che per strada riproducono le scene di una fiction fanno scalpore e fanno indignare, perché la televisione che per anni ha insegnato l’Italiano agli italiani, adesso dovrebbe insegnare a sparare?
Certo che finché a sparare sono i cowboy, i gangsters di New York, finché i killer sono interpretati da Al Pacino, nessuno si scandalizza.
L’anno scorso alla scuola media qui vicino hanno trasmesso un film documentario su Auschwitz, che io sappia nessun ragazzino ha organizzato una imboscata ai propri amici, o cercato di chiuderli in una camera a gas.
Però la camorra fa paura, eh sì perchè la camorra non è un evento storico, di fantascienza o lontano da noi, la camorra è tra di noi.
A qualcuno fa paura la camorra, a qualcun altro fa paura che si parli di camorra.
Nel quartiere dove sono cresciuto io la camorra non l’ho mai vista, già perchè era ovunque e, guarda un po’, non ci avevo mai fatto caso. Passavo per Forcella tutti i giorni e sentivo dire dalla televisione che c’era la camorra, ma io mi guardavo sotto i piedi, mi giravo intorno, ma sta camorra non la vedevo.
Nel mio quartiere ogni tanto qualcuno veniva sparato, una volta una ragazzina è rimasta uccisa mentre volevano uccidere qualcun altro, ma è stato uno su una moto, non è stata la camorra.
I negozi pagavano una somma di denaro ogni tanto per evitare di saltare in aria, una estorsione si dice, ma mica era la camorra a chiedere i soldi? Se vi capitava, erano dei ragazzi, o dei signorotti, che erano proprio uguali agli altri, non era la camorra.
La camorra non esiste, ho sentito dire, ma esistono i camorristi di sicuro, e quelli i camorristi non sono buoni.
Che delusione avrebbero avuto i bambini di un tempo se i genitori gli avessero spiegato che i Cow Boy erano i cattivi e gli indiani quelli buoni? Ma forse i genitori di una volta tante cose non è che le sapevano.
Ed i genitori di oggi? I genitori di oggi non sanno neanche che la serie TV Gomorra è vietata ai minori di 14 anni, che a casa non si deve evitare di parlare di camorra, di sesso e di politica, affinché i nostri ragazzi crescano conoscendo quello che gli aspetta fuori dalla porta di casa, e che non imparino la camorra da Gomorra, il sesso da YouPorn e la politica da Renzi, ma sono tutte e tre porcate che bisogna conoscere.

Non fa niente se te la lecco?

Ogni giorno viviamo nella consapevolezza di essere intercettati, spiati, osservati, controllati, screenshottati, e lo abbiamo voluto noi quando non siamo stati abbastanza svegli ed abbiamo consentito ai governi di tutto il mondo di utilizzare la strategia del terrore per sottrarci la privacy (a norma di legge).
Adesso però possiamo sentirci tutti più sicuri, sicuri di aver perso la libertà. Il titolo di questo articolo è stato scelto perché il 90% dei lettori si ferma al titolo, e non c’è peggiore abitudine per farsi disinformare a dovere. La frase nel titolo si riferiva ad una cartina, quando ti fai tu le sigarette e ne devi offrire una, capita.

La notizia che dovrebbe essere contenuta in questo articolo di sicuro non la troverai sui giornali, non te la daranno in televisione e neanche la ascolterai in radio, eppure è così evidente che non sarebbe neanche necessario darla. Ma in fondo, perché non darla? Seppure rischioso, darla dovrebbe essere una missione, quindi se anche tu credi che attorno a te ci siano persone che ne hanno bisogno, dalla.

Togliere la privacy alle persone non risolverà il problema della sicurezza, perché chi deve comunicare informazioni che non vuole far intercettare, ha gli strumenti per farlo comunque, per il resto delle persone resta la consapevolezza che il telefono, Facebook, WhatsApp, Skype, Gmail e ogni mezzo di comunicazione comunemente disponibile è banalmente violabile dai governi, e concretamente parlando, alla luce di quello che sappiamo almeno del nostro di governo, questa opportunità può essere utilizzata per spionaggio industriale, ricatto di avversari politici, curiosità personale e molto di più.
Tutto questo anche senza l’autorizzazione di un magistrato, senza una motivazione valida e, sopratutto, senza che ne resti traccia.

A Natale telefono sempre a mia madre per farle gli auguri, anche in quella occasione non mi sottraggo mai al dovere morale di salutare anche il militare che in quel momento potrebbe avere il compito di intercettare la mia telefonata, ultimamente ricordo che dissi “auguri anche a voi, mariscià”, forse è per questo che dopo pochi secondi mi è arrivato un SMS anonimo con scritto “ANCHE A TE E FAMIGLIA”.

Accendiamolo il cero, per poter dire “io cero”…

Questa sera alle ore 22:00 sulle nostre finestre, accendiamo un cero. Lo accendiamo per le vittime parigine, per quelle di new york, per quelle russe, per quelle siriane, per quelle curde, per quelle palestinesi, libiche, nigeriane, e per le vittime di tutte le altre guerre in corso.

Solo in Europa, al momento, ci sono 9 stati e 75 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti, quasi tutti armati dalla stessa mano. Punti Caldi: Cecenia (guerra contro i militanti islamici), Daghestan (guerra contro i militanti islamici), Ucraina (Secessione dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk e dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk)

FRANCIA (2)
========

Dal 12 Gennaio 2012 l’esercito francese e l’esercito maliano (con l’aiuto degli eserciti di altri paesi africani) stanno combattendo i gruppi radicali islamici che hanno occupato il nord del Mali.

eserciti:

– Fronte di Liberazione Nazionale Corso (FLNC) o Fronte di Liberazione Nazionale Corsu (FLNC) o Fronte di Liberazione Naziunale Corsu (FLNC) precedentemente divisi in Brigate Rivoluzionarie Corse (BRC)

– Armata di Liberazione Nazionale Corsa (ALNC) contro la presenza francese nell’isola dal 1976

GEORGIA
========

Dopo la guerra tra Georgia e Russia/Abkazia/Ossezia del Sud nel 2008, alcune volte sono state segnalate tensioni confine

GRECIA (15 eserciti)
=======

IRLANDA DEL NORD (9 eserciti)
=======

ITALIA (26)
=========

Federazione Anarchico Informale (FAI)/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI) (FAI/FRI)
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellula Rivoluzionaria Lambros Fountas dal 2003
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cooperativa Artigiana fuoco e affini (occasionalmente spettacolare)/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Brigata 20 Luglio/Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Sorelle in armi nucleo Mauricio Morales/ Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI)
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Solidarietà Internazionale
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Rivolta Animale
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Nucleo Rivoluzionario Horst Fantazzini
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellule contro il Capitale il Carcere i suoi Carcerieri e le sue Celle
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellule armate per la solidarietà internazionale
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Rivolta Anonima Terribile (RAT)
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellule metropolitane
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Narodnaja Vojla
Federazione Anarchica Informale (FAI)/Cellula Olga (forse si riferisce a Olga Ekonomidou, membro del movimento di Cospirazione delle cellule di fuoco – Fronte Rivoluzionario Internazionale (FAI-(FRI))
Federazione Anarchica Informale (FAI)/gruppo 22 maggio (da Maggio 2012)
Il Silvestre (gruppo anarchico ecologista)
Gruppi armati patriottici (Gap) dal 2011
Nucleo Galesi per i Pac (Proletari Armati per il Comunismo)
Movimento Armati Proletari
Movimento Fronte Rivoluzionario dal 2011
Gruppi Armati Proletari (GAP) (da Maggio 2012, da confermare attendibilità)
Brigate Rosse, Brigata Gino Liverani ‘Diegò’ (da Maggio 2012, da confermare attendibilità)
Nar Nucleo Armato Rivoluzionario Giuseppe Valerio Il Giusta (Nar) (da Maggio 2012, da confermare attendibilità)
Animal Liberation Front
Nuove Brigate Rosse – C.A.C. (esistenza non confermata)
Nuclei Operativi Armati (NOA) dal 19 Febbraio 2014 (esistenza non confermata)

Nagorno-Karabakh
===============

RUSSIA (16)
==========

SPAGNA (2)
==========

UCRAINA (15)
============

AFRICA:

(27 Stati e 188 tra milizie-guerrigliere, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Egitto (guerra contro militanti islamici ramo Stato Islamico), Libia (guerra civile in corso), Mali (scontri tra esercito e gruppi ribelli), Nigeria (guerra contro i militanti islamici), Repubblica Centrafricana (spesso avvengono scontri armati tra musulmani e cristiani), Repubblica Democratica del Congo (guerra contro i gruppi ribelli), Somalia (guerra contro i militanti islamici di al-Shabaab), Sudan (guerra contro i gruppi ribelli nel Darfur), Sud Sudan (guerra civile)

ASIA:

(16 Stati e 150 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Afghanistan (guerra contro i militanti islamici), Birmania-Myanmar (guerra contro i gruppi ribelli), Filippine (guerra contro i militanti islamici), Pakistan (guerra contro i militanti islamici), Thailandia (colpo di Stato dell’esercito Maggio 2014)

MEDIO ORIENTE:

(8 Stati e 225 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Iraq (guerra contro i militanti islamici dello Stato Islamico), Israele (guerra contro i militanti islamici nella Striscia di Gaza), Siria (guerra civile), Yemen (guerra contro e tra i militanti islamici)

AMERICHE:

(5 Stati e 25 tra cartelli della droga, milizie-guerrigliere, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Colombia (guerra contro i gruppi ribelli), Messico (guerra contro i gruppi del narcotraffico)

IN TOTALE AL MOMENTO (MA SICURAMENTE STO DIMENTICANDO QUALCOSA) CI SONO 65 STATI COINVOLTI NELLE GUERRE E 665 GRUPPI SEPARATISTI, MILIZIE-GUERRIGLIERI COINVOLTI. E NESSUNO NE FA UNA QUESTIONE RELIGIOSA, SOTTO TUTTI I CONFLITTI C’E’ UN INTERESSE PURAMENTE ECONOMICO.

NON ESCLUSO CHE LO IOR ABBIA INTERESSE IN QUALCHE INDUSTRIA CHE PRODUCE CERI PER LUTTO…..

(fonte : http://www.guerrenelmondo.it/?page=static1258218333)

piero disogra

Comitato di vigilanza sulla trasparenza della campagna elettorale

A Maggio 2016 avremo le elezioni del Consiglio Comunale in molti comuni, in particolare a Napoli, la comunità del Movimento 5 Stelle è in perenne fermento, si discute in questi giorni del modo migliore per preparare il nostro programma, si è anche detto che non possiamo dare per scontato che si presenterà una lista se non si avrà la garanzia che il processo sia condiviso e rispettoso dei principi che hanno fatto nascere il movimento.

Belle parole, considerando il fatto che internamente ci sono anche diverse perplessità, proteste, persone che scalciano, ed è per questo motivo che ho avanzato una proposta, l’ho fatto nel corso della assemblea cittadina del Meetup Napoli del 25 settembre. (dal minuto 14:00 qui https://youtu.be/0YD_SCDL_5s )

La proposta è quella di creare un “Comitato di Vigilanza” che eviti i problemi avuti durante la scorsa campagna elettorale per l’elezione del Consiglio Regionale della Campania, frutto di una riflessione sulle difficoltà vissute in qualità di candidato per il moVimento 5 stelle.

Prima di descrivere la proposta, che tende a risolvere un problema, credo sia il caso di illustrare il problema.

Il “Metodo Cirillo”

Il nome di fantasia per descrivere questa prassi è ispirato dalla storia di Cirillo di Alessandria (leggi la storia di Cirillo di Alessandria su Wikipedia)

Quello che che descriverò è assolutamente lontano dai principi del movimento 5 stelle, ogni candidato che dovesse comportarsi in questo modo dovrebbe essere tenuto lontano da ogni possibilità di diventare portavoce.

La strada per conquistare una “poltrona” sfruttando il movimento 5 stelle passa attraverso due fasi, la prima consiste nel conquistare un posto in lista, la seconda nel farsi votare dai cittadini che devono esprimere una preferenza.

La prima fase si svolge sul “blog”, ovvero su una piattaforma informatica dove hanno diritto al voto i cittadini certificati con documento di riconoscimento entro una certa data. I numero necessari per poter entrare in lista sono davvero esigui, parliamo di circa 100 voti, pochi attivisti riescono a raggiungere questi numeri in maniera naturale, io alle scorse elezioni ne ho avuti poco più di 80 e sono finito in lista come candidato consigliere regionale, e non è poco, considerando che nessuno dei miei familiari o amici (non attivisti) è certificato al blog.

E’ chiaro che il primo passaggio del “metodo cirillo” è quello di avere un discreto numero di amici e parenti certificati al blog, questo database di persone abilitate al voto non viene mai controllato, tutti gli iscritti hanno la facoltà di esprimere una preferenza anche se non sono davvero attivisti del movimento 5 stelle, inoltre è necessario il supporto personale di una “squadra” di persone fidate che esprimeranno sul blog una (e solo una) preferenza, pur avendone a disposizione 5, perchè il voto sul blog non è più una libera espressione della propria opinione ma l’esercizio di un potere numerico costituito.

Fase pre lista

Se le persone che possono votare sul blog sono attivisti, è chiaro che è necessario studiare dei metodi per essere conosciuti dagli attivisti.
Ho visto alcuni candidati scegliere alcuni meetup di riferimento da andare a trovare, quelli preferiti sono quelli più frequentati, ovviamente, altri invece che hanno avuto la capacità di organizzarsi per tempo, hanno inventato delle iniziative prive di reale sostanza che permettesse loro di girare per i meetup tessendo rapporti con gli attivisti al fine di utilizzare successivamente queste conoscenze per ricevere il voto sul blog.

restartcampaniaRicordo come fosse ieri Gennaro Saiello in visita al meetup di Giugliano a presentare il progetto “Restart Campania“, un portale dove tutti potevano caricare video autoprodotti che illustrassero come valorizzare un monumento del luogo.
Subito mi sembrarono strane le raccomandazioni che ci furono fatte : “mi raccomando, il sito non deve essere utilizzato per promozione personale, quindi nei video non dovete mettere il nome di nessuno, solo il nome del meetup”, in tempo reale ricordo che presi il cellulare e visitai il sito che aveva realizzato Gennaro Saiello ed, ahime, era proprio come sospettavo, in prima pagina c’era la sua foto ed il suo nome con la dicitura “ideatore”.

Quando feci notare la cosa a Gennaro Saiello, chiedendo come mai il suo di nome ci fosse con tanto di foto, mi iniziai a rendere conto di come funzionano le cose “hai ragione, provvederò a far rimuovere“, il tutto è ancora visibile ad oggi sul sito (che ovviamente è fermo assieme alla sua iniziativa, essendo diventato ormai consigliere regionale).

copertinacmareAltro modo per promuoversi agli attivisti è stato quello di contattare gli amministratori dei gruppi facebook e dei meetup e di far sostituire le immagini di copertina con propri manifesti elettorali (non del movimento ma personali) come capitato a Castellammare con questa volta Luigi Cirillo.

Questo fa la differenza tra chi si propone come candidato libero, e chi invece è il candidato di un meetup, ovvero ha alle spalle un “comitato elettoraleprima ancora di essere candidato, questo è successo ad esempio a Valeria Ciarambino, scelta come candidata per le regionali in un meetup a Pomigliano d’Arco, la cui registrazione con applauso ha addirittura messo nel suo video di presentazione come se si trattasse di una cosa normale.

Insomma, la regola fondamentale per essere in lista, è avere un numero di attivisti che votano per te, il resto non conta, per raggiungere questo obiettivo non contano neanche i principi, è solo una ricerca di visibilità fine a se stessa, chi ha più benzina e tempo libero vince.

Fase post lista

Qui viene la parte più grave che ho potuto osservare come candidato, ed è davvero quello che è necessario evitare in qualsiasi prossima campagna elettorale. Ormai le liste sono formate ed i candidati fanno gruppo tra di loro, giustamente per poter affrontare al meglio la campagna elettorale.

Diventano come un meetup, ma con una sostanziale differenza, sono tutti concorrenti tra di loro. Ci sarebbe da aspettarsi che i candidati portino in maniera evangelica, e con l’aiuto di tutti gli attivisti, a far conoscere il programma del movimento 5 stelle a chi non lo conosce, a promuovere il progetto ed a farsi conoscere come candidati e come movimento 5 stelle da chi non vota per il movimento 5 stelle, in genere per portare nuovi voti al movimento 5 stelle si dovrebbe ragionare in questo modo.
Succede invece che i candidati che mirano solo ad essere eletti vadano alla ricerca del voto facile, ovvero quello di chi già vota per il movimento 5 stelle andando ad assicurarsi solo ed esclusivamente la preferenza sulla scheda.

Succede poi che nel gruppo di candidati, si smette di essere tutti uguali, perchè c’è sempre qualcuno che diventa “portavoce“, che sia “candidato sindaco” o “candidato governatore“, esisterà sempre questa figura mitologica che avrà contatti paranormali con quello che il resto del gruppo non conoscerà mai e prenderà di volta in volta nomi diversi iniziando con essere “Casaleggio“, poi chiamandosi genericamente “staff” oppure all’occorrenza “comunicazione” fino a diventare sempre più generico “da Roma“, “da Milano“. Da questo momento in poi ci saranno tante decisioni prese in maniera non tanto democratica della serie “ce lo chiede l’Europa” ed a cui in buona fede, i candidati si adatteranno, ma non tutti.

Esisteranno sempre dei candidati che non si atterranno alle regole concordate tra i vari candidati, e cercheranno di acquisire visibilità personale nei modi più impensabili.

Gennaro Saiello, ad esempio, è stato segnalato per aver fatto dei gazebo con la bandiera neoborbonica accostata a quella del movimento raccogliendo firme per l’eliminazione di alcuni busti dalla Borsa di Napoli, in piena campagna elettorale, senza che questa iniziativa solitaria fosse minimamente approvata, il commento della nostra portavoce fu “Non esiste una cosa del genere. Ho già detto ieri che non deve più accadere“, questo succedeva il 7 Maggio, la settimana successiva i gazebo si ripetevano indisturbati.

Luigi Cirillo ha stampato e distribuito, con l’aiuto di attivisti, volantini con il suo volto in tutti i meetup della provincia di Napoli, anche dopo che il nostro portavoce Valeria Ciarambino aveva chiaramente specificato che la stampa di quel materiale non fosse autorizzata. Mentre tutti i candidati erano impegnati in riunioni per mettere assieme il programma, Cirillo si recava nelle città più popolate a distribuire assieme ai Cirillo Boys, tonnellate di materiale elettorale. Ad ogni segnalazione effettuata ci veniva ripetuto lo stesso mantra : “sono sconcertata/indignata prenderemo provvedimenti”, ma i provvedimenti non arrivavano mai.

Riporto, solo come esempio, la regola dei “comunicati stampa personali” ripetutamente violata da Luigi Cirillo, e più volte segnalata con la promessa solenne che ci sarebbero state delle conseguenze, conseguenze mai giunte.

selavedeconglilloecasaleggio

Questi che sto portando sono solo alcune delle decine di gravi violazioni che sono state fatte da parte di alcuni candidati, che neanche a farlo a posta sono diventati consiglieri, ma non do loro nessuna colpa, la colpa è di tutti gli attivisti che non hanno imposto un sistema per tutelare i candidati onesti, che in questo modo non diventeranno mai portavoce dei cittadini, tutto a discapito della credibilità del movimento. Come possiamo pensare che un gruppo di consiglieri regionali che arrivano in questo modo alla loro carica, possano poi con forza combattere un consiglio regionale illegittimo come quello di Vincenzo De Luca, non basta un hashtag per tornare al voto.

La proposta per la prossima campagna elettorale

Mi dispiace di essermi dilungato, ma era necessario introdurre il problema altrimenti nessuna soluzione avrebbe avuto un senso, e vi assicuro che mi sono limitato al minimo indispensabile, dopotutto le cose che ho scritto sono alla luce del sole.
L’unico modo affinchè il “metodo Cirillo” non sia preso come esempio di buona prassi dalle prossime generazioni di candidati, è necessario disinnescarlo attraverso il “metodo 5 stelle“, ovvero TRASPARENZA e FIATO SUL COLLO.

Bandiamo le riunioni che non siano trasmesse in streaming, condividiamo le scelte, non concentriamoci più solo sul candidato portavoce oscurando il resto dei candidati (tranne i più furbi) altrimenti andranno avanti i più furbi, facciamo in modo che i famosi “anticorpi” di cui si vanta il movimento abbiamo modo di essere iniettati nel sistema, e non restino a gridare in una provetta tappata in un frigorifero.

Il “Comitato di vigilanza sulla trasparenza della campagna elettorale” è come un meetup al quale possono partecipare tutti gli attivisti che non siano candidati, e che non ha nessun potere decisionale, deve solo tenere gli occhi aperti, vigilare, raccogliere segnalazioni, analizzarle in maniera condivisa e trasparente e stilare un rapporto da consegnare allo staff/direttorio/roma/milano/bangkok o chicchessia e che poi vigili su quest’ultimo affinchè vengano realmente presi i provvedimenti necessari ovvero la sfiducia e l’inibizione a parlare a nome del movimento 5 stelle, perchè chi si comporta in questo modo non può rappresentare questo movimento, è questo il motivo per cui gli attivisti si allontanano e danno il cambio agli arrivisti.

dignità

Osservatorio per la tutela della dignità umana

Ognuno di noi vive con delle convinzioni, ed una propria scala di valori. Ci sono persone che pensano che rubare al prossimo sia immorale, altri che invece sono convinti che sia una dote che denoti scaltrezza.

Non importa se la morale di una persona porti a considerare immorale o meno il rubare, la Legge sancisce che sia reato, e come reato viene considerato. Esistono degli studi per sapere quanti furti ci sono ogni giorno, dove avvengono e quali sono, tutto questo per capire quali siano le migliori misure da adottare per contrastare questo fenomeno illegale.

Io non mi voglio occupare di questo.

Io vorrei che nascesse un osservatorio che studi tutti quei casi di furto commessi dalle persone che considerano immorale il rubare, e che commettono ugualmente un atto che va contro la propria moralità perché costretti da qualcuno o da qualche condizione sociale, non per arginare l’illegalità ma per combattere la rinuncia alla propria dignità.

Quando una donna o un uomo viola i propri principi per necessità, commettendo un atto che loro stessi ritengono immorale, a titolo di esempio rubare o prostituirsi, in quel momento stanno perdendo la loro dignità.

Si può dormire per strada per sentirsi liberi, oppure no. Si può digiunare per fare la dieta, oppure no. Si può fare sesso per divertimento, oppure no. Si può rubare per amore del rischio, oppure no. Io voglio con tutte le mie forze far nascere un osservatorio che studi gli “oppure no”.

Dopo aver creato una mappa precisa delle necessità, ed aver compreso le dinamiche, si deve studiare il modo migliore per venire incontro a chi resta indietro, non un piano per il contrasto alla illegalità, ma una forte e decisa lotta alla rinuncia della dignità, perché in una vera società civile non è possibile tollerare che esista oggi chi è costretto a vendersi l’anima per sfamare un figlio o per non subire violenza.

Invito tutte le persone che sono interessate a questo progetto a mettersi in contatto con me per costituire un tavolo di lavoro da cui scaturisca una proposta concreta da portare avanti con tutti i mezzi. ORA.

Un’idea per Taverna del Re

Il problema “Taverna del Re”

"Taverna del Re" è la località situata nella provincia a nord di Napoli, nel comune di Giugliano in Campania, che ospita un sito di stoccaggio "provvisorio" di rifiuti imballati denominati simpaticamente "eco-balle".

Al momento il sito contiene circa 6 milioni di tonnellate di "eco-balle" il cui contenuto ufficialmente è "rifiuti combustibili", il che significa che gode delle agevolazioni previste dal sistema CIP6, ovvero delle agevolazioni economiche per l'energia prodotta dalla combustione degli stessi (che assimila quindi la produzione di energia dalla combustione dei rifiuti, alla produzione di energia usando le fonti rinnovabili come vento, sole, sorgenti geotermiche o cascate)

Per questo motivo, mentre in altre parti d'Europa gli inceneritori chiudono perchè grazie alla raccolta differenziata manca la materia prima da incenerire, qui in Campania ci siamo fatti una consistente scorta in vista dell'apertura di nuovi inceneritori.

A questa operazione esistono diversi intoppi, il primo è che questi rifiuti ormai hanno perso buona parte del potere calorico e quindi per produrre energia in un termovalorizzatore dovrebbero essere "accompagnati" da monnezza fresca, il cui reperimento sarebbe ostacolato da una raccolta differenziata reale, il secondo è che ci sono forti sospetti (nonchè indagini in corso da decenni) che fanno ritenere che in queste ecoballe ci siano materiali sversati illecitamente dalla camorra e che potrebbero essere tossici e non inceneribili.

La bugia dei termovalorizzatori Olandesi

in nord Europa, si dice, che i termovalorizzatori siano sovradimensionati perchè loro, da bravi cittadini, sanno fare la raccolta differenziata, sanno riciclare, ed allora bruciano sempre meno rifiuti ed hanno spazio per la nostra monnezza. Molti comuni pagano le società che gestiscono gli inceneritori dovendo garantire una certa quantità di CDR (combustibile di rifiuti) e quindi piuttosto che pagare a vuoto preferiscono bruciare i nostri rifiuti con un costo inferiore a quello che costa da noi.

PARZIALMENTE VERO MA NON CI FANNO SAPERE TUTTA LA VERITA'

Mentre qui si continua a sponsorizzare la cultura dell'incenerimento, i rifiuti Napoletani spediti in Germania, sono finiti nell'impianto di trattamento meccanico-biologico di Croebern in Sassonia e sono stati riciclati, diventando materia prima che poi è stata rivenduta.

LA VERITA’ CHE NON VOGLIONO FARCI SAPERE

La spazzatura non esiste, ci pensavo proprio oggi mentre buttavo una buccia di banana nel sacchetto dell'umido, in realtà non appena la buccia tocca il sacchetto diventa spazzatura, ma finchè la tieni in mano è una buccia di banana.

Siamo noi che consideriamo quello che buttiamo come un peso, perchè anche se sappiamo che la maggior parte di quello che usiamo può essere riciclato, non ci poniamo sempre il problema di cosa succede ai materiali una volta che li abbiamo chiusi in un sacchetto.

In realtà non produrre "spazzatura" andrebbe ad impoverire un business miliardario che si basa sul ciclo dei rifiuti, che tutto fanno tranne "ciclare".

Oggi abbiamo una visione per cui la spazzatura andrebbe buttata in maniera differenziata perchè così poi può essere recuperata, i materiali diventano nuovi prodotti che poi vengono reimmessi sul mercato.
Quindi pago quando compro qualcosa, pago quando la butto e poi magari ripago per ricomprarla dopo che gli donano una nuova vita... ma sarebbe troppo bello se fosse vero.

Il segreto è non differenziare

Fare la raccolta differenziata non è pratico, non è gradito dai cittadini e non è necessario.
Se lo scopo è quello di agevolare il recupero delle materie prima, qualcuno spieghi a chi "comanda" che le moderne tecnologie possono aggirare questi problemi.

In un centro di trattamento meccanico-biologico, la raccolta differenziata si fa con due soli contenitori : ORGANICO e ALTRO MATERIALE.

L'organico è il problema minore, è per la maggior parte residuo alimentare, comunque è subito adatto per andare in compostiera ed essere restituito a madre terra per concimare.

ALTRO MATERIALE, (che non sia classificato tossico) può essere indirizzato in un impianto TMB (trattamento meccanico-biologico) che, come potete vedere nel video, è capace di prendere la spazzatura INDIFFERENZIATA e dividere le materie prime che la compongono per poi avviarle all'industria che riciclerà.

L'impatto ambientale è assente, gli investimenti sono inferiori rispetto ai termovalorizzatori, e permettono di trasformare la spazzatura in denaro, recuperando il 90% dei materiali.

L’impianto di Croebern

  • capacità 300.000 tonnellate di rifiuti urbani all'anno
  • costo 75 milioni di euro
  • area 36 ettari
  • luogo : Germania

Lo Sisp di Taverna del Re

  • capacità 6 milioni di tonnellate di eco-balle
  • finanziato pubblicamente
  • area 130 ettari
  • luogo Italia

Se le eco-balle fossero eco-balle

Se le ecoballe tossiche di Taverna del Re fosse separata dal resto delle ecoballe queste venissero trattate in un impianto TMB, ecco quale sarebbe la simulazione economica:

invio a Croebern (esempio)

  • tempo necessario 20 anni
  • costo 600 milioni di euro
  • utile generato dalle materie prime : 0

Realizzazione nostro impianto TBM

  • tempo necessario 10 anni
  • costo 120 milioni di euro (la metà di un inceneritore)
  • utile medio generato dalle materie prime : 120 miliioni di euro

Trasformiamo Taverna del Re in ricchezza

6 milioni di tonnellate di materie prime stanno aspettando solo di essere differenziate e reimmesse in circolazione, una ricchezza enorme che viene venduta sul mercato a prezzi che vanno da 20 euro a tonnellata per la carta congiunta ed i 23 euro a tonnellata per il ferro, fino ad arrivare ad 80 euro a tonnellata per la carta selettiva.

Oggi possiamo decidere tra :

* pagare 180 euro a tonnellata per bruciare la spazzatura sul nostro territorio
* pagare 130 euro a tonnellata per portarla all'estero
* guadagnare 20 euro a tonnellata per trattarla senza impatto stesso in loco

Quale sarà la scelta dei nostri governatori?

camorra

La camorra è di destra o di sinistra?

La “camorra“, o la “mafia” o qualsiasi altro nome inventato per farci credere che esista una linea di demarcazione tra il bene ed il male, ha assolutamente bisogno della complicità della politica, e la politica corrotta ha bisogno dei “poteri forti” senza scrupoli della criminalità organizzata.

Questo sono concetti obsoleti, di quando si poteva ancora sperare che la politica e la mafia fossero due cose diverse, oggi le organizzazioni criminali strutturate, hanno i loro uomini all’interno di tutti i comparti ed hanno possibilità di manovra dall’interno della politica, dell’imprenditoria, delle banche, della magistratura, dei mezzi di comunicazione e della mafia.

Si, ho messo la mafia tra i poteri inquinati, perché chiunque conosce le origini della mafia (termine utilizzato la prima volta nel 1863 in un’opera teatrale siciliana), sa che la mafia non nasce come una organizzazione criminale, come non lo erano i “briganti” napoletani, ma erano dei “movimenticontro il sistema che poi sono stati utilizzati come “nemici invisibili”. Oggi nessun criminale si iscrive al club della “mafia”, l’appellativo gli viene dato dalla stampa e dalla magistratura, ed i cittadini fanno di tutta un’erba un fascio, quando si parla di un disoccupato disperato che deruba un appartamento, si parla di camorra, e mi sta bene, ma perché non si parla di mafia quando un gruppo di politici si organizzano per rubare milioni di euro truccando appalti pubblici ?

Quali sono i partiti “mafiosi” ?

E’ molto semplice capirlo, non sono i partiti che ricevono i voti ad essere i partiti della camorra, ma sono i partiti che ricevono i voti ad essere obiettivo della camorra.

In pratica non vale la pena cercare di spostare i voti durante una campagna elettorale, anche se costassero veramente 50 euro ed una busta della spesa, la mafia, quella vera, aspetta la fine delle elezioni e sposta direttamente le persone elette.

E’ più facile minacciare migliaia di cittadini, o un solo politico?

La mafia/camorra non ha bandiere e non ha colori, o meglio, assume i colori di chi vince le elezioni. Considerate poi che i colori in politica non esistono più, avete il quadro preciso del perché questo sistema va cambiato e si deve restituire il potere ai cittadini, perché è molto facile corrompere un parlamentare, un ministro o un sindaco, ma questo ha senso solo se queste persone continuano ad avere un potere, la possibilità di essere complici in qualcosa, la facoltà di commettere atti senza trasparenza e senza possibilità concreta di essere puniti.

In una Italia dove si vuole dare più potere ad un presidente del consiglio, i cittadini valgono sempre di meno. 

La camorra siamo noi, siamo noi ogni volta che giriamo la testa dall’altra parte, ogni volta che facciamo finta di non capire, ogni volta che abbiamo il culo pesante e non ci alziamo per andare a far rispettare i nostri diritti, ogni volta che ci arrendiamo, ogni volta che andiamo a votare.

Noi siamo di destra o di sinistra? 

La trattativa Stadio-Mafia

La trattativa Stadio-Mafia è l'argomento caldo dei media

mentre in silenzio si ostacolano quelle tra lo stato e la mafia

Il Napoli ha vinto la Coppa Italia, yeeeeee, e mentre tutti eravamo intenti a seguire la palla ci cuoio che veniva presa a calci, veniva allestito l'ennesima arma di distrazione di massa.

Genny detto "a'carogna", capo ultras, veniva fotografato con una maglietta che chiedeva la liberazione di un uomo, secondo molti innocente, ma subito è stato letto come plauso al crimine commesso da quest'uomo. Ma non è questo di cui vorrei parlare, è un tranello in cui è facile cadere...

Andiamo per ordine, esiste il CSM (il Consiglio Superiore Antimafia) che è presieduto al nostro bi-Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Il CSM ha disposto in questi giorni una circolare che impedirebbe ai magistrati del pool antimafia di Palermo di continuarsi ad occupare della trattativa Stato-mafia.

Il pool di Palermo è quello più preparato ed i magistrati che lo compongono hanno fatto il loro lavoro in maniera eccellente, detenendo la conoscenza di un numero di informazioni tali da essere un vero pericolo per chi è coinvolto in questa trattativa tra lo Stato e la mafia.

Chi è coinvolto nella trattativa Stato-mafia?

La risposta è nel titolo : lo stato (scritto con la lettera piccola) e la Mafia (scritto con la lettera grande perchè in corretto Italiano sarebbe un nome proprio di organizzazione criminale).

Mi fermo qui, se parlassi male di Giorgio Napolitano commetterei un reato penale, perché il nostro (bi)Presidente della Repubblica è una figura mitologica tutelata dalla Costituzione, dalla Legge e dalla Mafia, e sinceramente non ho intenzione di mettermi contro la Costituzione e la Legge.

Sappiate solo che se vi venisse la curiosità di sapere se veramente Giorgio Napolitano sia implicato nella trattativa Stato-mafia, questo non è più possibile, perché le intercettazioni telefoniche che erano in possesso del pool antimafia, sono state distrutte su richiesta del CSM, il cui presidente è...

... comunque Forza Napoli 😀