piero disogra

Una strada tutta in salita

Dopo essere stato scelto dagli attivisti campani per essere candidato con il moVimento 5 Stelle al Consiglio Regionale della Campania è iniziata per me una nuova avventura, è ormai più di un mese che assieme ad altri 50 attivisti stiamo lavorando quotidianamente per organizzare la presenza del movimento nel “palazzo” più critico per poter davvero incidere sul futuro del nostro territorio.

Non è facile da subito, non avevo idea di quanto fosse difficile essere esposti alla rabbia delle persone, pur non avendo ancora avuto la possibilità di fare niente, le aspettative sono tantissime e, vi assicuro, altissimo è il senso di responsabilità.

Al momento mi sento come il cugino povero di Spiderman : grandi responsabilità e nessun potere.

Tutto inizia con la prima riunione tra i 50 candidati di tutta la regione, alla presenza di Valeria Ciarambino, nostra candidata presidente alla Regione Campania, il clima era teso, Valeria era appena tornata da Milano dove aveva incontrato Gianroberto Casaleggio.

La mia preoccupazione, e lo confesso adesso, era che Valeria fosse tornata con i famosi “diktat” dello staff, ed invece la sorpresa forse è stata ancora maggiore di quello che temevo potesse succedere : nessun diktat, lasciati liberi di decidere come realizzare il programma e come organizzare la campagna elettorale, e chiaramente nessun contributo economico per farlo, insomma, il vero moVimento 5 stelle!

I primi giorni sono serviti per conoscerci tra di noi, molti candidati già si conoscevano, ma quelli di province diverse avevano avuto meno modo di rapportarsi prima. Immaginate un meetup di 50 persone che si iniziano a confrontare, tutti caratteri forti, e tante decisioni da prendere, se siete attivisti probabilmente avete già capito il clima.

I primi giorni di “conoscenza” sono stati fondamentali, la squadra si è affiatata ed abbiamo iniziato a lavorare sul programma regionale.

Il moVimento Campania aveva già un programma condiviso, scritto nel 2010 per la scorsa tornata elettorale, ma nel frattempo troppe cose sono cambiate, nuovi lavori e progetti sono stati portati avanti dagli attivisti della nostra regione e quindi era necessario raccogliere tutti questi lavori.

Ci siamo divisi in gruppi, abbiamo censito con l’aiuto di tutti gli attivisti tutti i tavoli di lavoro che riuscivamo a trovare sui territori regionali ed ognuno di noi si è aggiunto a uno o più tavoli, chiedendo loro di raccogliere i risultati dei lavori fatti, condividere al massimo e creare dei documenti di sintesi. I documenti di sintesi sono poi stati raccolti, ed ancora stanno arrivando molti contributi dai territori ed ancora in questo momento stiamo lavorando al programma definitivo.

Nel frattempo abbiamo organizzato incontri con gli attivisti, abbiamo partecipato ad una riunione regionale a Salerno, e successivamente abbiamo organizzato degli incontri provinciali con tutti gli attivisti (a Napoli sono stati organizzati 3 incontri, dividendo i meetup geograficamente rispetto a Napoli in sud, centro e nord). Questo ciclo di incontri ci ha permesso di aggiornare gli attivisti sul lavoro che stiamo svolgendo e su come abbiamo intenzione di procedere con la campagna elettorale.

In ogni occasione stiamo raccogliendo consigli e suggerimenti, dopotutto siamo dei candidati ad essere portavoce di una comunità di attivisti, e quindi è giusto ascoltare e prendere in considerazione tutto quello che ci arriva, anzi, quasi tutto… perchè ho notato che dopo le nostre “regionalie” qualche attivista, deluso dal non essere stato scelto, ha abbandonato il movimento andando a formare liste che appoggeranno altri schieramenti politici, e questo è davvero molto triste.

Quando ero attivista ho sempre chiesto trasparenza e la possibilità di partecipare, ed è per questo motivo che adesso mi comporterò come il “terminale che ho sempre sognato“, ho aperto questa sezione del mio blog dove terrò un diario per aggiornare gli attivisti che mi hanno scelto come loro portavoce, su tutto quello che succede in questo periodo che ci separa dal 31 maggio 2015, data in cui i cittadini campani avranno la possibilità di scegliere, con il proprio voto, il futuro che desiderano.

Commenti

commenti

Posted in Diario Regionali 2015 and tagged , .